Chi siamo


 

I fondatori della Tana del Bianconiglio sono musicisti e figure professionali esperte nel settore artistico – musicale

Nicola Baronti : Direttore e Produttore artistico - Presidente Ass. Cult. Bianconiglio

Leonardo Bernini : Assistente di produzione, Mastering e Fonico - Vicepresidente Ass. Cult. Bianconiglio

Simone Sandrucci : Assistente di produzione, Fonico, Musicista e Service - Tesoriere Ass. Cult. Bianconiglio

Gilda Borgato : Amministrazione & Organizzazione, Management e Booking - Segretario Ass. Cult. Bianconiglio

Luca Passerotti : Autore , Musicista, Social Director e Fotografo professionale - Consigliere Ass. Cult. Bianconiglio

Monica Bosso : Service, Tecnico Luci e Collaboratrice di Studio - Associato Ass. Cult. Bianconiglio


 

Nicola Baronti  - Produttore artistico, sound engineer e proprietario dello studio di registrazione “La tana del Bianconiglio” direttamente collegato all’associazione. Inizia la sua carriera nel 2005 all’interno del primo studio di registrazione da lui stesso fondato la “City Music” di Lucca, collaborando come assistente di produzione a fianco di Michael Baker nella realizzazione di dischi prodotti da quest’ultimo  (Giorgia, Tormento) e con Simon Katz, il chitarrista dei Jamiroquai. Nel 2006 collabora con Dillon Gallagher (fonico inglese di Kelly Minogue) al Britannia Row studio di Londra e nel 2007 viene chiamato come pianista ad incidere “L’evidenza” di Diego Mancino a Catania, prodotto da Daniele Grasso (Afterhours, Cesare Basile, Roberto Dell’era) e Massimo Luca (Battisti, Mina, De Andrè, Paolo Conte). Dopo alcuni anni decide di spostare la sua attività da Lucca a Pisa aprendo un nuovo studio di registrazione ( La tana del bianconiglio ).

Nel 2010 lavora alla preproduzione di “Nati per Subire” (ZEN CIRCUS), nel 2012 lavora alle registrazioni di “Piombo,Polvere e Carbone” (IL PAN DEL DIAVOLO), “Bestie” (CRIMINAL JOKERS - primo progetto di Francesco Motta) ed “Ancora Ridi” (Il MURO DEL CANTO).

Impegnato nelle produzioni e registrazioni di progetti dell’etichetta italiana “Phonarchia dischi” (VENUS IN FURS, ETRUSCHI FROM LAKOTA e molti altri) della quale è l’ideatore.

Nel 2011 nasce il nuovo studio di registrazione, nel piccolo borgo medievale di Montecchio di Peccioli, ristrutturando le vecchie cantine scavate nel tufo, dove la ricerca del suono diventa ancora più caratteristica quindi caratterizzante ed importante.

Negli anni successivi produce diversi album, tra i quali “Carnival” dei Venus in Furs, “Giù la testa” degli Etruschi from Lakota, “D’un tratto” di Eugenio Rodondi, “Fosforo” di Matteo Fiorino con la partecipazione di Iosonouncane, e molti altri.

Nel 2018 produce il primo disco del cantautore Toru ed attualmente è impegnato su nuove produzioni di carattere internazionale , seguendo la produzione del disco dell’artista Afro-Canadese Matinda Kamuena e lavorando su Londra in collaborazione con Rudy Ashcroft e Elio D’Anna per i quali ha seguito diversi lavori. Sempre dal 2018 entra in contatto con Carlo Bernini direttore d’orchestra, con il quale avvia una collaborazione su diversi progetti nell’ambito della musica classica orchestrale.  


Leonardo Bernini - Consegue il titolo di “Tecnico della registrazione sonora” presso il " Centro Studi Musica & Arte di Firenze". Dopo tirocini di formazione sia live ( Lucca Summer Festival ) che in studio, decide di aprire il proprio studio di registrazione a Calci (Pi) : LB Studio. E' anche sia musicista che violinista

Dal 2018 inoltre inizia a collaborare con l’associazione “Bianconiglio” e con lo studio di registrazione “La tana del bianconiglio” in diversi progetti e sotto diversi aspetti. In correlazione con “La tana del bianconiglio” segue anche la lavorazione dei mastering, ampliando quindi i settori del suo studio personale (LB Studio) e de “La tana del bianconiglio”.

 


Simone Sandrucci - Firenze classe 1991, musicista, specializzato in chitarra elettrica, acustica,  lap steel, banjo e altri strumenti a corde. Chitarrista e membro fondatore del progetto ETRUSCHI FROM LAKOTA, con all’attivo 3 album in studio e relativi tour. Parallelamente insegna chitarra presso la scuola di musica “Cantiere Madaus” di Lajatico (PI)

Conosce Nicola Baronti nel 2011 e dopo un periodo di formazione inizia a lavorare come assistente di studio durante le registrazioni di buona parte dei dischi registrati presso lo studio.

Conoscenza di Pro Tools, Nuendo e Cubase. Oltre che come assistente incide parti strumentali nei dischi di: Venus in Furs, Zocaffè, Filarmonica Municipale Lacrisi, Pecore Elettriche, Eugenio Rodondi, Il Maniscalco Maldestro e molti altri. Ha lavorato come assistente di studio nei dischi: “Ancora ridi” (Il Muro del Canto), “Ocra” (Eugenio Rodondi), “Il Resto del Cremlino” (Aeroflot feat. C.Radio Mosca) ed altri…

Inizia nel 2017 anche l’attività di service live, collaborando con eventi e festival del territorio. Entra a far parte attivamente dell’associazione “Bianconiglio” fin dagli inizi, ricoprendo il ruolo di tesoriere ed organizzatore dei progetti interni.


Gilda Borgato - Nata a Milano classe 1987, entra a far parte del direttivo dell’associazione “Bianconiglio” nel 2017 in qualità di organizzatrice, amministratrice e coordinatrice dell’associazione e delle attività e progetti diretti da essa, all’interno dello studio di registrazione “La tana del bianconiglio” ricopre il ruolo direzionale e organizzativo durante le sessioni in studio, parallelamente lavora per il booking di Bologna “Panico Concerti” , con i quali entra in contatto proprio grazie al lavoro svolto per lo studio di registrazione, all’interno del booking ricopre il ruolo operativo di “Produzione tour ed eventi”. Dal 2018 assume l’incarico di management per i gruppi “Etruschi from Lakota” e “Toru”, per i primi entra in collaborazione attivamente con il booking “Ronzinante” e con il collettivo di management “DewRec” di Torino, per i quali coordina tutte le attività relative agli “Etruschi from Lakota”.


Luca Passerotti - Nasce in Toscana , classe 1978. Dopo vari progetti adolescenziali, nel 2000 forma insieme al fratello Marco gli “Zero3” con la quale pubblica il disco d’esordio “Cielo Rosso Amore”. Con questo disco apriranno diverse band tra cui  MARLENE KUNTZ, VERDENA e the TRAVIS. Dopo varie esperienze come musicista, nel 2006 torna nel ruolo di cantante formando gli “Scarlet Diva”. Tra il 2006 ed il 2008 con gli Scarlet Diva partecipa a numerose manifestazioni come ItaliaLoveWave, NordKapp, Indiependentour, NokiaTrendLab, GarageBand (Sky-alice) etc e si esibisce live tra Liguria, Lombardia e Toscana, duettando con Alberto Camerini, Orange e DiscoDrive. La crescita artistica lo porta a scrivere canzoni in maniera sempre più creativa e personale, fino ad arrivare a trovare il suo stile ed arrivare quindi alla scelta di proporsi e comporre come cantautore. Nel 2012 partecipa a “Musica Controcorrente” , concorso sotto la direzione artistica di Don Backy e nello stesso anno viene selezionato per partecipare ad “Area Sanremo”. Nel 2013 fa uscire "le brutte abitudini" il primo vero disco autoprodotto. L'album riscuote successo tra gli addetti del settore e lo porta a scrivere anche per altri sotto veste di autore.

Dal 2013 al 2015 vince importanti premi di riconoscimento fra cui il premio “Lucio Dalla” ed il premio “Bruno Lauzi” per miglior musica con "allegri ma non troppo", federazioni autori premio “Mogol” per miglior testo inedito con “l'esperienza di un cammino”, e finalista al premio Universal per autori con "leggera" in cui scrive gli arrangiamenti con Giancarlo Fasano.

Nel 2018 esce l'album "Bentornato" dove abbandona l'idea del pop per ritornare su una linea rock con punte punk pur restando sempre un lavoro cantautorale.

Parallelamente alla carriera musicale, a partire dal 2012, inizia a interessarsi di fotografia, diventando per lui una professione, partecipando come fotografo ai concerti che si tengono nei principali locali e teatri. Collabora assiduamente con associazioni culturali locali, con musicisti e band toscane (foto, ideazione grafica, registrazione video). Nel 2018 entra a far parte dell’associazione “Bianconiglio” in veste di collaboratore ed organizzatore dei progetti interni.


Monica Bosso - Nata a Biella classe 1992, scopre il mondo dello spettacolo all’età di 5 anni ed inizia a percorrerlo attraverso la danza, approfondendo il movimento corporeo nelle sue molteplici discipline. All’età di 19 anni si trasferisce a Firenze per studiare scenografia teatrale all’accademia di belle arti. Nel percorso verso la laurea si appassiona all’ Illuminotecnica e comincia la sua esperienza come tecnico delle luci per compagnie teatrali, festival ed eventi per lo spettacolo. Si unisce attivamente al direttivo dell’associazione “Bianconiglio” nel 2018.